Search
close search icon
close search icon
Lingua
ITENDEFR
ES

THE PLAN - IL NUOVO RISTORANTE "THE NOTORIOUS FRANK" A MILANO

13.9.2022
- by  CRS Molteni Vernici

NEWS

Tutte le novità sulle finiture in primo piano nel mondo dell'architettura, del design e del contract.

Il progetto vuole richiamare l’atmosfera fastosa tipica della scena musicale degli ultimi cinquant’anni: un omaggio ai tanti Frank che hanno improntato la musica internazionale.

UN OMAGGIO AGLI ARTISTI  PER IL RESTYLING  DI UN LOCALE STORICO

Nick Maltese Studio
Ristorante
The Notorious Frank
Milano

Ispirandosi a quello stile chic e informale,
animato dallo spirito di artisti e creativi,
tipico del Village e di Downtown Manhattan a New York,
The Notorious Frank trasmette un’idea di accoglienza dalle note vibranti.

Per conoscere i mille volti di Milano, bisogna andare in zona Porta Venezia: tra lo splendore delle architetture Liberty di inizio Novecento, i boschetti dei giardini Montanelli, i locali arcobaleno, le boutique alla moda di Corso Venezia, i ristoranti di cucina internazionale e i locali, templi dell’aperitivo milanese e dell’happy hour, il quartiere riunisce tutti gli aspetti che animano una metropoli e che sono in grado di convivere completandosi a vicenda.

In questa cornice, il restyling dello storico bar The Notorious Frank punta sulla definizione di uno stile in grado di stare al passo con i cambiamenti della città, abbracciando una clientela che negli anni si è ampliata, diversificandosi per background, cultura ed età. Secondo l’architetto Nick Maltese, che si è occupato del progetto degli interni, la chiave è un design di carattere, dalla forte riconoscibilità, unita alla possibilità di riconfigurare il locale durante l’arco della giornata, creando un mood diverso che sia adatto a un pranzo informale come a un drink serale.

Ispirandosi a quello stile chic e informale, animato dallo spirito di artisti e creativi, tipico del Village e di Downtown Manhattan a New York, The Notorious Frank trasmette un’idea di accoglienza dalle note vibranti. A livello funzionale, il progetto si sviluppa secondo due macro-aree distinte: l’ingresso, un piccolo foyer che accoglie i clienti, con tavoli alti per consumazioni più veloci e una zona dove degustare crostacei sulla destra, fiore all’occhiello della cucina dello chef, e dall’altra parte la zona dinner-club, dedicata alla cena e a eventi privati.

La palette cromatica modula colori che vanno da tonalità calde e soft al blu di Prussia intenso, in un gioco di accostamenti complementari più che a contrasto.

Il design degli interni è giocato su un gradiente sempre più intenso di colori e finiture, come in un climax che conduce dall’ingresso alla sala più grande, secondo un ritmo scandito da archi a sesto ribassato che bucano lo spazio e danno profondità ai volumi, creando quinte teatrali a cui fanno da sfondo gli ambienti successivi.

La palette cromatica modula colori che vanno da tonalità calde e soft al blu di Prussia intenso, in un gioco di accostamenti complementari più che a contrasto. Le finiture donano all’ambiente un’idea di tridimensionalità: dal grande wallpaper black&white dalle vedute naturalistiche, disegnato dall’architetto stesso, al pavimento a disegni geometrici, fino al rivestimento 3D del bancone e alla grande parete in metallo traforato che fa da sfondo all’ultima sala. Le texture sono materiche e creano effetti a rilievo: dal rivestimento in gres in finitura cemento nella tonalità grigio perla, al calcestruzzo a vista, per finire con i tessuti degli arredamenti, corposi velluti color crema, color grigio e blu notte.

L’illuminazione è l’elemento attraverso cui Nick Maltese ha voluto modulare il carattere degli ambienti, evidenziando dettagli inaspettati ed enfatizzando quell’atmosfera fastosa tipica delle produzioni musicali degli ultimi cinquant'anni. Il locale è infatti un omaggio ai tanti artisti di nome Frank, protagonisti della scena musicale internazionale: Frank Sinatra, Frank Zappa… La loro presenza aleggia negli ambienti, anima le sale di questo club che vuole accogliere chiunque, dal pranzo fino a tarda sera, per un incontro con un amico, un po’ di relax dopo il lavoro, un buon cocktail o quattro chiacchiere al bancone.

Categoria :
News